Friday

, 30 October 2020

ore 12:01

Cronaca

12-06-2012 17:00

Vercelli, sul bus si viaggia a sbafo
Il 96 per cento non ha il biglietto
 
«A Vercelli il 96% degli utenti non paga l’Atap?». Se lo chiedono i rappresentanti delle Rsu aziendali dopo il dato clamoroso emerso da controlli a campione effettuati il 6 giugno sulle linee urbane di Vercelli. Al fianco dei controllori dell’azienda erano presenti anche i vigili urbani di Vercelli. Il caso eclatante: una singola corsa urbana, in cui 33 utenti su 36 viaggiavano abusivamente. «Noi - sottolinea la Rappresentanza sindacale unitaria di Atap - non sosteniamo che su tutte le corse persista una media di abusivismo così elevata ma di fatto bisogna ammettere che la cosa è di per sé preoccupante e denuncia una situazione grave che non può essere trascurata». Il fatto preoccupante, secondo la nota inviata alla stampa dalle rappresentanze sindacali è «Che la crisi, il disagio sociale e la mancanza di controlli accurati stanno degenerando in fenomeni di malcostume di cui l’evasione è solo la punta di un iceberg ben più preoccupante». Accanto all’abusivismo, infatti, si ripeterebbero sempre più spesso atti di vandalismo, aggressioni verbali ai conducenti e bullismo. «Nell’ultimo periodo - si legge - si sono registrati anche episodi di ordine pubblico, tanto che molta gente (pagante) comincia ad avere paura ad usare i mezzi pubblici e i conducenti, va precisato, non dispongono di alcuno strumento per sanzionare e contenere il fenomeno». A questa situazione difficile si aggiunge anche la carenza di personale addetto ai controlli. Basti infatti pensare che i verificatori dell’azienda preposti al controllo sono 4, per la provincia di Vercelli e Biella, linee urbane e extraurbane e per alcune linee della provincia di Torino. «I mancati introiti della bigliettazione - affermano i sindacati - sono una risorsa che si perde solo per la scarsa capacità di intervento e il servizio pubblico risulta molto più oneroso per Comuni e Provincie anche in forza di questa perdita: nessuno vuol vedere ancora tagliato il trasporto pubblico perchè costa troppo, e ogni euro recuperato dall’evasione è un euro risparmiato dalle tasse dei cittadini». E concludono: «L’entità del fenomeno è stata più volte da noi denunciata in sede di incontro alla presidenza e dirigenza di Atap, tenuto conto che gli introiti della bigliettazione per le linee urbane sono di competenza dell’ente concedente, in questo caso il Comune di Vercelli, motivo per cui intendiamo porre all’attenzione dell’assessore ai Trasporti il problema, con l’augurio che si cerchino le soluzioni più idonee per fronteggiare questo malcostume».












Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Le colline del Monferrato

Stefania Piccoli

Copyright © 2020 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.