Wednesday

, 3 June 2020

ore 21:22

Cronaca

04-04-2020 07:11

Coronavirus: 'Difficilissimo riaprire l'Italia dopo Pasqua'
La 'Fase 2' si allontana: fino a quando resteremo a casa?
 
Emergenza Coronavirus: la 'Fase 2', la riapertura graduale dell'Italia, si allontana. 'Difficilissimo riaprire il Paese dopo Pasqua' è la sensazione che, nelle ultime ore, sta circolando con maggiore insistenza e frequenza nell'Esecutivo.

I motivi

La curva dei contagi non rallenta. I contagiati complessivi dall'inizio della pandemia sono 119.827 dei quali 19.758 sono guariti e 14.681 sono deceduti. In questo momento le persone positive al coronavirus in Italia sono 85.388. Ieri (venerdì 3 aprile) i contagi sono aumentati di 2.339 persone (giovedì erano aumentati di 2.477). L'Organizzazione mondiale per la sanità ha poi ammonito chi vuole mollare troppo velocemente e ha ricordato che l'epidemia potrebbe in tal caso riprendere fiato peggiorando anche il quadro economico.

Le parole del presidente del Consiglio

Giuseppe Conte, in videoconferenza, ha detto: “Lo sforzo che stiamo facendo ci consentirà di valutare una prospettiva. Nel momento in cui il consiglio degli esperti ce lo permetterà cominceremo con l’allentamento delle misure. Non posso dirvi se sarà dal 14 aprile, non sono ancora nelle condizioni di farlo. Valutando quello che succederà, inizieremo a valutare la prospettiva di una fase 2, quella della convivenza con il virus, per poi entrare nella fase 3 che è quella dell’uscita dell’emergenza con il ripristino delle attività lavorative e sociali”. Il presidente del Consiglio ha poi teso la mano alle Regioni proponendo una cabina di regia per decidere le modalità ma non tempi della riapertura delle attività economiche.

Bisognerà attendere

Sembra però difficile e improbabile prolungare la serrata fino al 16 maggio, come aveva invece ipotizzato il capo della Protezione civile, Angelo Borelli (leggi qui). La paura di far precipitare di nuovo la situazione per aver affrettato il passo è tanta. Gli studi preliminari dell'Accademia delle scienze americana hanno infatti ipotizzato una trasmissione del virus anche solo parlando e respirando in ambienti chiusi. Indagini preliminari, ma che se trovassero conferma renderebbero a quel punto più difficile riaprire fabbriche e negozi puntando sul fatidico metro di sicurezza.

Matteo Gardelli










Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Campo di papaveri

Andrea Cherchi

Copyright © 2020 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.