martedì

, 18 dicembre 2018

ore 18:48

Sport

10-09-2011 17:00

Foggia, dal ricordo di Signori al giovane Tiboni
All'inizio degli anni Novanta il miracolo di Zeman
 
Dopo l’«aperitivo» di domenica scorsa contro il Como, la Pro Vercelli prepara la sfida casalinga contro il Foggia. Una gara affascinante contro una formazione di prima fascia, che ha conosciuto il calcio che conta e che fino a pochi anni fa ha calcato i prestigiosi terreni della serie A. I rossoneri pugliesi, infatti, hanno giocato nella massima serie per ben quattro anni consecutivi tra il 1991 e il 1995, quando arrivarono terz’ultimi retrocedendo in B e cominciando quel declino che li ha portati, nel giro di pochi anni, prima in C1 e poi in C2. Ma quando si parla di Foggia non si può non pensare soprattutto a quanto di buono fece vedere nei primi anni Novanta quando, sotto la guida tecnica di Zdenek Zeman, fu protagonista di prove strepitose e di stagioni memorabili culminate, nel ’94, con la sfiorata qualificazione in Coppa Uefa. Era il Foggia dell’allora presidente Pasquale Casillo (ritornato proprietario del club l’anno scorso anche se la massima carica societaria è ricoperta da Matteo Biancofiore) e di giocatori che fecero vedere grandi cose come Rambaudi, Baiano, Padalino, Shalimov, Kolivanov e, soprattutto, Beppe Signori. Ora le cose sono un po’ cambiate rispetto a quei tempi. La società è ambiziosa, e l’anno scorso ha richiamato in panchina proprio il tecnico boemo con cui si tolse parecchie soddisfazioni anni fa, non riuscendo tuttavia a centrale la promozione in serie B, ma anzi arrivando sesto fuori anche dalla zona playoff. Così i satanelli, rimasti orfani di Zeman passato in estate sulla panchina del Pescara, quest’anno si ricandidano alla vittoria del campionato affidandosi alla guida di Valter Bonacina ex giocatore di Roma e Atalanta. Certo è che l’esordio non è stato dei migliori, vista la sconfitta casalinga del debutto allo Zaccheria contro il Benevento per 2-1, ma questo può spingere i foggiani ad arrivare a Vercelli ancora più agonisticamente «cattivi». Occhio dunque a giocatori importanti che scenderanno in campo domenica al Piola, da Ginestra, a difesa dei pali, passando a elementi di categoria superiore come Lanzoni e Cardin fino ad arrivare a quella che è stata la «perla» del mercato rossonero: l’attaccante classe 1988 Christian Tiboni, uno che in Lega Pro ha già dimostrato di saper fare gol con la maglia dell’Hellas Verona.


Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

-7 giorni a Natale

Andrea Cherchi

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.