mercoledì

, 23 maggio 2018

ore 03:19

Fashion Date – Appuntamento con la Moda

07-02-2018 09:43

Frida Khalo: un mito che ritorna, anche nella moda
Jean Paul Gaultier, Clements Ribeiro, Moschino, Alberta Ferretti e Dolce&Gabbana si sono ispirati all'artista
 
Fino al 3 giugno il MUDEC, Museo delle Culture a Milano, ospiterà un’intera mostra dedicata a quella che è stata una tra le artiste più controverse e amate della storia: Frida Kahlo. Nata agli inizi del Novecento a Coyoacàn, una delegazione di Città del Messico, ha vissuto un’esistenza tormentata. Affetta da spina bifida, fin dall’adolescenza dimostra però di avere un carattere combattivo e avverso ad ogni convenzione sociale. Il 1925 segna per Frida l’inizio di un lungo periodo di solitudine che la porta ad affacciarsi sul mondo esterno solamente mediante l’arte. Un grave incidente in autobus le rompe la colonna vertebrale in tre punti, anche femore, costole, spalle e gambe riportano gravi danni, costringendola ad un lunghissimo periodo con il busto, a letto. Sola con la sua immagine riflessa su di uno specchio, Frida inizia a dipingere una serie di autoritratti: “Dipingo me stessa perché passo molto tempo da sola e sono il soggetto che conosco meglio”. Quando finalmente le viene rimosso il busto, decide di far visionare le sue opere ad un famoso pittore, Diego Rivera, il quale rimane profondamente colpito dalle capacità della ragazza: da quel momento in avanti le vite dei due pittori sarebbero state intrecciate fino alla sua morte nel 1954.

Così torna ad ispirare in questa mostra, Frida, coraggiosa, determinata e se vogliamo anche progressista. La sua arte, sia sulla tela che nell’abbigliamento non è passata inosservata, tanto che da parecchi anni molti stilisti s’ispirano alle sue trecce, alle sue corone di fiori e ai suoi “gonnelloni” rivisitandoli in chiave moderna. La prima sfilata che riporta lo stile di Frida in passerella è nel 1998 da Jean Paul Gaultier, a seguire Clements Ribeiro, Moschino, Alberta Ferretti e Dolce&Gabbana nel 2015.

Una donna che non solo ha rivoluzionato l’arte, la moda, il pensiero sociale, ma un vero e proprio modello di vita.

Martina Guarneri
2018 - Riproduzione Riservata
Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.