martedì

, 22 agosto 2017

ore 09:22

Pagina Nazionale

13-08-2017 09:00

Consumi: è 'boom' per la telefonia
L'analisi di Confcommercio
 
Tra il 1995 e il 2017, secondo un'analisi sui consumi delle famiglie dell'Ufficio Studi di Confcommercio, scende la quota di spesa per alimentari, tabacchi e calzature, e sale quella per abitazione, alberghi e ristoranti, comunicazioni. E’ ‘boom’ per la telefonia, con un +240 per cento.
Come saranno suddivisi? La spesa pro capite per alimentari, abitazione e abbigliamento sarà di circa 7.800 euro, pari al 41,5 per cento dei consumi complessivi, stimati in quasi 17.300 euro a persona.
Secondo la studio, diminuisce di 4,5 punti percentuali la quota di spesa complessiva per alimentari, tabacchi e calzature, assorbita quasi interamente dalla crescita delle spese per abitazione (+5,5 punti percentuali).  Infatti, spiega Confcommercio, la spesa per la casa comprende gli affitti, figurativi ed effettivi, e i costi per luce, acqua e gas, le cui tariffe sono aumentate considerevolmente.
In aumento la quota di spesa sia per alberghi e ristoranti (+2,4 punti percentuali), per via della crescita turistica e dei pasti fuori casa, che per i servizi sanitari e le comunicazioni (+0,2 punti percentuali), mentre la spesa reale per la telefonia (apparecchi e servizi) è cresciuta in termini pro capite del 240 per cento, passando dal 1995 ad oggi da 109 euro a 371 euro.


Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2017 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.