domenica

, 24 giugno 2018

ore 11:04

Pagina Nazionale

07-03-2018 08:00

Vaccini obbligatori: si avvicina la 'deadline' del 10 marzo
Previste sanzioni per chi non risulterà in regola
 
Il 10 marzo è l'ultimo giorno utile per la presentazione, agli istituti scolastici, della documentazione che certifica lo stato vaccinale dei minori, dopodiché per gli inadempienti scatteranno i provvedimenti nei termini previsti dalla legge. In assenza di qualsiasi documento di avvenuta vaccinazione o anche solo di una prova di prenotazione per effettuarla, gli asili nido e le scuole dell'infanzia dovranno provvedere a escludere i bambini interessati, mentre per la scuola dell’obbligo verranno applicate le sanzioni pecuniarie.

Chi non è ancora in regola, dunque, dovrà presentare entro la data indicata, il libretto vaccinale o la dichiarazione timbrata dall’Azienda sanitaria locale, oppure anche solo una prova dell’avvenuta prenotazione delle vaccinazioni ancora da effettuare.

In tutta Italia saranno perciò gli istituti scolastici a segnalare l’inadempienza delle famiglie all’obbligo vaccinale. Fanno eccezione Veneto, Lombardia e Lazio, che si sono dotate di anagrafe vaccinale. In queste regioni ci sarà un iter differente: il 10 marzo le aziende sanitarie forniranno agli istituti scolastici l’elenco dei bambini che non sono in regola; a quel punto i dirigenti scolastici chiederanno entro il 20 marzo alle famiglie di assolvere l’obbligo in 10 giorni, altrimenti via alle sanzioni.


Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.