sabato

, 18 agosto 2018

ore 08:28

Il piccione viaggiatore

29-01-2018 14:37

Viaggiare risparmiando: dai b&b al 'couchsurfing'
Le soluzioni senza rinunciare alle comodità
 
Viaggiare, si sa, costa. Trasporti e alloggi comportano spesso spese non indifferenti: lunghe tratte in treno, voli dai prezzi esorbitanti anche con compagnie low-cost, e soprattutto notti fuori casa possono avere a volte costi così gravosi da far desistere anche i viaggiatori più incalliti.

Quali soluzioni allora per programmare un viaggio all’insegna del risparmio?

Un’idea potrebbe essere quella di noleggiare o acquistare un camper: un investimento a lungo termine per chi viaggia spesso, perché permette di evitare costi di alloggio. Le spese per carburante e pedaggi sono infatti ampiamente compensati dal risparmio sul pernottamento e sui pasti in strutture alberghiere, senza contare che in molti paesi esteri esistono apposite aree di sosta gratuite.

I più adattabili possono invece considerare l’idea di un ostello: certo al risparmio corrisponde anche il disagio di condividere la stanza con altri turisti e di non avere il bagno privato, ma questa soluzione è l’ideale se si viaggia in gruppi molto numerosi.

Per chi invece vuole spendere poco senza rinunciare alla comodità, la scelta migliore è puntare su un bed&breakfast in sostituzione dell’hotel: il servizio, che comprende solo pernottamento o colazione inclusa, è spesso gestito da famiglie che semplicemente affittano alcuni locali delle proprie abitazioni a turisti di passaggio, con il vantaggio di gustose colazioni preparate in casa e mangiate con gli ospiti. Anche una pensione consente un notevole risparmio rispetto ad un hotel: questo genere di strutture è dotato, nelle camere, di piccole cucine con fornelli e bollitori, così da poter eventualmente mangiare in stanza e risparmiare sui pasti, che all’estero possono essere davvero costosi.

Come trovare la struttura più adatta alle proprie tasche? Portali come Trivago o Booking.com nascono proprio con questo scopo: grazie ad alcuni filtri, ogni viaggiatore può selezionare, oltre alla destinazione e al numero di notti, il tipo di struttura, il budget a propria disposizione ed eventuali altri parametri di interesse, come la distanza dal centro - per potersi spostare a piedi ed evitare i costi dei trasporti - o la possibilità di noleggiare biciclette. In molti casi, poi, la prenotazione non richiede l’immediato pagamento, che può avvenire invece direttamente sul posto.

Una nuova moda, poi, sta prendendo sempre più piede. Si tratta del “couchsurfing”, letteralmente “surf sul divano”: un servizio di ospitalità in cui i turisti possono “scambiarsi i divani”, ovvero ospitarsi reciprocamente sul divano di casa, per scambi alla pari senza alcuna spesa di alloggio. Il funzionamento è semplice: attraverso un apposito sito, i turisti possono ricercare un “divano in affitto” nella città prescelta, e in seguito accogliere sul proprio la famiglia che li ha ospitati. Una soluzione, oltre che economica, alquanto originale, per viaggiare e creare nuove amicizie.

Silvia Giovanniello
2018 - Riproduzione Riservata
Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Viaggi e Miraggi - El Cofete, Fuerteventura

Giorgia Balbis

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.