giovedì

, 16 agosto 2018

ore 05:54

Presente Digitale

16-01-2018 14:36

Hold: arriva l'app per disintossicarsi dallo smartphone
Chi la usa può liberarsi dall’uso compulsivo dei social media
 
È nata una nuova app, Hold (che in slang vuol dire appunto “aspetta”), che promette di liberare le nuove generazioni all’uso compulsivo dei social media con dei trick intelligenti. Ma come funziona? In poche parole, l’applicazione ingegnosa permette a chi la usa di guadagnare dei vantaggi come biglietti del cinema gratuiti a chi non usa il telefono.

Già il 40% degli studenti in Norvegia ha iniziato a usarla e l’app promette di diffondersi anche in altri paesi in maniera sempre più capillare. L’obiettivo è proprio quello di combattere la “smartphone addiction” degli studenti: sistematicamente premia i ragazzi per non utilizzare il loro smartphone quando si trovano nel campus universitario, che per le generazioni più giovani sembra un’azione difficilissima, considerando che lo smartphone è diventato per loro il principale mezzo per la maggior parte delle attività, inclusa quella d’interazione sociale che risente ormai evidentemente della classica presenza fisica.

Uno studio dell’università di Derby, riporta il Daily Mail, rivela che una persona su otto soffre di dipendenza da smartphone e che più lo si usa, più la situazione peggiora, con una media di quasi 4 ore al giorno di permanenza al telefono dell’utente medio. Cambi violenti dell’umore, solitudine, gelosia e ossessione per l’aspetto fisico sono tutti fattori da tenere d’occhio per chi potrebbe avere un problema di dipendenza.

Tornando all’app Hold, si sa che chi è nella fascia d’età più bassa tra gli utenti è ancora di più a rischio di sviluppare una relazione tossica col proprio smartphone. Con questa app, premendo solo un bottone si avrà monitorato il tempo che si passa senza usare il proprio smartphone, ma non ci sono “penalizzazioni” se lo si fa. Se comunque non lo si usa per durate significative, si riceveranno premi dai business partner dell’app come appunto biglietti gratis per il cinema.

The Guardian riporta che il creatore Maths Mathiesen ha dichiarato che con l’uso di questa app non si vuole “forzare” le persone, ma cambiare le abitudini a lungo termine degli utenti per rivoluzionare di conseguenza la relazione che questi intrattengono al presente col loro telefono. La app sta costruendo ora il proprio business con gli sponsor nel Regno Unito con la prospettiva di espandersi al più presto anche nel resto d’Europa.

Chiara Monateri
2018 - Riproduzione Riservata
Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.