sabato

, 18 agosto 2018

ore 08:28

Sport

03-02-2018 16:56

Che spettacolo questa Pro Vercelli
Vittoria in rimonta contro la Cremonese (imbattutata da 9 giornate): è 2-3 allo Zini
 
"Se c'e una squadra che ha giocato a calcio è la Pro Vercelli...".

Matteo Bonomi è stato capitano di questa squadra quando per questa squadra la Serie B era solo un 'sogno ad occhi aperti'. Nonostante siano passati gli anni, Bonomi è rimasto legato a doppia mandata a questi colori. Il suo commento, nel gruppo Facebook 'Pro nel cuore', durante il primo tempo, è stato sicuramente premonitore e ha poi perfettamente centrato l'obiettivo. La formazione di Gianluca Grassadonia, allo Zini, ha giocato a pallone quando c'era da giocare a pallone, ha sofferto quando c'era da soffrire senza rimanere vittima, come nel recente passato, di 'pericolosi' passaggi a vuoto. Sembra passata un'eternità invece sono solo trascorse due settimane dalla bruttissima sconfitta di Frosinone: a testimonianza di come la condizione psicologica, molte volte, sia più importante di quella fisica. Nulla, comunque, è ancora stato fatto. La classifica resta molto difficile e fra sette giorni, al Silvio Piola, arriverà il Brescia per un'altra sfida decisiva.

La partita
Dopo le unidici operazioni di calciomercato portate a termine dal direttore sportivo Massimo Varini, il tecnico Ginaluca Grassadonia conferma il 3-5-2 come modulo di partenza. Davanti a Pigliacelli i tre centrali sono Konate, Bergamelli e Gozzi, mentre a centrocampo sulle fasce agiscono Mammarella (a sinistra) e Ghiglione (a destra); al centro c'è Vives mentre ai suoi lati ci sono Germano e Castiglia; là davanti, infine, Morra è affiancato dal nuovo acquisto Reginaldo.

Il primo tempo
La Pro Vercelli parte molto concentrata, prova anche a farsi notare in attacco conquistando, ad esempio, due calci d'angolo. La Cremonese sembra non voler forzare e, forte di una difesa che non prende gol dal 20 dicembre, amministra senza fatica. Al 16' Scappini trova il gol del vantaggio con una grande conclusione dopo un assist di Almici. Le bianche casacche protestano, chiedono il fallo di mano proprio di Almici e hanno ragione: il replay di Sky Calcio 5 certifica che il terzino destro grigiorosso, per liberarsi di Reginaldo e servire l'assist vincente a Scappini, tocca il pallone con il braccio destro. Ci fosse il Var in Serie B... Nei successivi 15' la Pro Vercelli prova a reagire, tiene in mano il pallino del gioco ma non riesce a pungere là davanti: Reginaldo dà l'impressione di avere il 'guizzo' ma, non è novità di giornata, Morra non ha la giocata incisiva. La testimonianza che Reginaldo c'è ed è in forma arriva al 31', quando rincorre Almini per almeno una trentina di metri e lo stende. Sul seguente calcio di punizione, Piccolo impegna Pigliacelli che devìa in calcio d'angolo. Il portiere vercellese compie il miracolo al 34': girata perfetta di Arini, ma l'estremo difensore riesce a mettere in cornere con un intervento da vedere e rivedere. La sensazione, però, è che non ci siano quindici punti di differenza fra le due squadre. Tant'è vero che al 37' arriva il pareggio: perfetto cross di Ghiglione, perfetta scelta di tempo nell'inserimento e perfetto colpo di testa di Castiglia. Per il centrocampista si tratta del diciassettesimo gol in Serie B. Al 39' Gianluca Grassadonia sostituisce Gozzi - che non è riuscito a recuperare dallo scontro dei primi minuti di gioco - con Berra. Al 43' un brivido corre lungo la schiena dei tifosi vercellesi: bel tiro di Piccolo che esce di pochissimo sopra la traversa. Passano sessanta secondi e la Pro Vercelli va vicina al clamoroso vantaggio, ma la conclusione di Morra viene 'stoppata' da un difensore. Senza aspettare la fine del primo tempo (problema muscolare al polpaccio?), Morra deve lasciare il campo e, al suo posto, entra Raicevic. Pochi istanti dopo, a causa delle proteste, viene espulso Gianluca Grassadonia.

Il secondo tempo
Dopo 3' la Cremonese rischia di servire una frittata: fraintendimento fra Garcia e Ujkani con il pallone che finisce in calcio d'angolo. Al 6' Raicevic si divora il vantaggio con un colpo di testa da posizione ravvicinata, ma al 7' Germano non perdona: cross teso di Ghiglione e il centrocampista vercellese trova la deviazione vincente. La Pro Vercelli è meritatamente in vantaggio. Al 12' Ghiglione, dopo i due assist, cerca la gloria personale ma la sua conclusione termina sul fondo. Al 20' Germano firma la sua doppietta: grande lavoro di Reginaldo in area, il pallone arriva al centrocampista vercellese che è bravo a rimanere freddo e battere Ujkani. È 1-3. Nei successivi minuti, la Cremonese prova a fare la partita, Tesser cambia anche alcune pedine ma la Pro Vercelli tiene bene il campo con il 3-5-2 che si trasforma, giustamente, in un 5-3-2 di copertura. Ne emerge un particolare significativo: questa squadra inizia anche a saper soffrire e a non andare in confusione o non esser più vittima di 'pericolosi' passaggi a vuoto. Al 36' esce Reginaldo - molto positivo il suo esordio con le bianche casacche - ed entra Kanoute, volto anche lui nuovo del calciomercato di gennaio arrivato in prestito dal Benevento. Si fa vedere al 39', ma la sua conclusione termina abbondantemente sopra la traversa. Al 44' ancora Kanoute prova a rendersi pericoloso, ma anche questa volta il suo tiro non è molto preciso. Resta apprezzabile, però, l'impegno che il senegalese ha messo sul campo nei pochi minuti in cui è stato impiegato. Al 48' Cavion tenta di riaprire la partita: Pigliacelli respinge un tiro ravvicinato, ma non può nulla sul colpo di testa successivo. Al 50', poi qualcuno motiverà questo recupero allungato di 2' per un gol, Pigliacelli blocca il pallone che poteva portare all'incubo. Alla fine la Pro Vercelli vince con merito, trova una vittoria in trasferta che mancava dal derby di Novara (4 novembre) e ferma a nove le partite senza sconfitte della Cremonese.

La prossima partita
Sabato, al Silvio Piola, arriverà il Brescia. Sarà un'altra partita decisiva nella corsa salvezza, come lo era stata quella contro l'Ascoli. La squadra non sembra più quella spenta e demotivata di Frosinone. A questo punto sarà necessario anche un pubblico 'caldo', molto 'caldo'. L'hashtag #unitiperlobiettivo è infatti un chiaro messaggio ai tifosi: è il momento di stabilire il record di presenze stagionali.  

Matteo Gardelli
2018 - Riproduzione Riservata


Crpwebtg

alla redazione proponi ...

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.

foto giorno »

Viaggi e Miraggi - El Cofete, Fuerteventura

Giorgia Balbis

Copyright © 2018 La Sesia S.r.l. via Quintino Sella 30, 13100 Vercelli
Reg. Imprese VC C.F. 00146700026 - P.IVA IT 00146700026 - R.E.A. VC44243 - C.S. euro 130.000,00 i.v.